Sardegna: i luoghi più belli da visitare almeno una volta

Molto spesso la Sardegna viene definita come un piccolo paradiso nel cuore del Mediterraneo.
E così è. Le sue coste e le sue candide spiagge sono l’emblema di questo paradiso ma, oltre a queste, ci sono anche tantissimi luoghi interessanti da visitare ed infinite sfaccettature che vale la pena scoprire.
Qui di seguito cercheremo di evidenziare alcuni di questi luoghi della Sardegna che vale la pena visitare almeno una volta.
Non resta fare altro che cercare delle offerte traghetti Sardegna da scegliere online e partire alla scoperta di questi splendidi luoghi.

Giara di Gesturi e Nuraghe di Barumini

La Giara, situata nella Sardegna centromeridionale ospita una specie molto rara in Italia e Europa di cavallini selvatici chiamati, appunto, i “Cavallini della Giara” ed un parco composto di boschi di querce da sughero e macchia mediterranea.
Si tratta di un’area abbastanza vasta che riveste una notevole importanza dal momento che è sede di monumenti archeologici come il celebre nuraghe di Barumini, chiamato anche “Su Nuraxi” e dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1997. I nuraghi sono torri difensive che sono presenti su tutta l’isola. Sono particolarmente famosi e riconoscibili per la loro forma di tronco di cono e realizzate con grossi macigni a secco.

Golfo di Orosei

Il Golfo di Orosei si trova nella Sardegna centro-orientale ed è uno degli angoli più belli della Sardegna. E’ particolarmente famoso per le Grotte del Bue Marino, fatte di stalattiti e stalagmiti che si riflettono nelle acque regalando giochi di luci strabilianti.
Il Golfo comprende Paesi famosi per i loro prodotti gastronomici, di artigianato e per la presenza di aree archeologiche tra cui Tiscali e Serra Orrios, l’area carsica denominata Supramonte, le foreste di Suttaterra e Ghivine alle pendici marine del Supramonte. Una particolare menzione deve essere fatta per la Gola di Su Gorroppu nel cuore del Supramonte. Si tratta del canyon più profondo dell’isola ed uno dei più profondi in Europa.
Oltre a tutto questo, ovviamento, qua si può godere anche di uno spettacolare paesaggio marino: Cala Mariolu, Cala Sisine, Cala Goloritzè, Cala Biriola, Cala Fuili, Cala Luna.

Le grotte di Nettuno

Le grotte più importanti della Sardegna si trovano ad Alghero e sono dedicate al Dio Nettuno.
Queste si estendono per circa 6km e sono state scavate in milioni di anni dall’acqua dolce. Si possono raggiungere con il traghetto oppure tramite una scalinata di circa 600 gradini la quale offre delle viste spettacolari sul mare e sulla costa.

I Murales di Orgosolo e il Museo di Mamoiada

Mamoiada e Orgosolo sono due tradizionali luoghi in Sardegna che si trovano nel cuore dell’isola, in Barbagia, nella provincia di Nuoro.
In particolare, Orgosolo è nota per i suoi Murales (circa 150), mentre Mamoiada è famosa per le sue tipiche maschere del carnevale: le potete scoprire tutte, assieme a molte altre, nel Museo delle Maschere Mediterranee del paese.

Villasimius

Si tratta di uno tra i comuni più famosi del Sud della Sardegna grazie alle sue gettonate località turistiche dalle acque cristalline, calette e lunghe spiagge dalla sabbia bianca perlata dove tutto il paesaggio è immerso nella macchia mediterranea.
Questo piccolo paesino durante la stagione estiva moltiplica la sua popolazione. Il merito va tutto ad alcune delle spiagge più belle dell’isola: Porto sa Ruxi, Campus e Campulongu, La spiaggia del Riso (così chiamata proprio per i “chicchi” che la caratterizzano), Cala Caterina, l’incantevole Porto Giunco, la meravigliosa Punta Molentis ed i caratteristici fenicotteri rosa abitanti dei cieli che sovrastano la distesa di mare azzurro e limpido della miracolosa perla del Sud Sardegna.